"Sei" l'enigmatica e inafferrabile canzone dei Negramaro

Canzone talmente enigmatica e inafferrabile che può essere interpretata e spiegata in molt...


"Sei" l'enigmatica e inafferrabile canzone dei Negramaro

Canzone talmente enigmatica e inafferrabile che può essere interpretata e spiegata in molti modi, tutti differenti, e dove ognuno può ritrovarci qualcosa di se stesso e della propria vita.

Io ci ho trovato questo: il racconto di un pezzo di vita ormai andato.


Passano i ricordi di una donna, di una storia conclusa. Consapevole di quanto l’amore possa cambiare le persone e di come possa far volare il tempo lieve e precipitoso, un uomo, davanti allo specchio, non si riconosce più.
testo della canzone"Tu chi sei ... un riflesso che non m'appartiene non mi riconosco ... e non ricordo più chi sei. Non sei più quel che eri un tempo e ora sei quel che c'è di diverso da me"

Perché un amore senza barriere, inaspettatamente, ha iniziato a latitare? Non c’è un perché, così come non c’è risposta che possa spiegare come un fuoco ardente all’improvviso si possa spegnere.
testo della canzone"e allora tu spiegami dei nostri baci il senso e se un senso lo trovi dimmi almeno qual è dimmi se c'è ..."

Una passione profonda può ingannare. È talmente forte da far risaltare i pregi e nel contempo è capace di nascondere i difetti, le incomprensioni e le incompatibilità.
testo della canzone"e pensare a quanto tradirono tutti quei baci che tolsero via dalle bocche le frasi che avremmo voluto gridare per convincerci che di amarci noi non ne saremmo mai stati capaci"

Un amore immenso può lasciare dolorose e incancellabili cicatrici. Ferite che segnano e non guariscono facilmente e così il cuore si dispone alla sofferenza, ma nel soffocato tormento diventa più forte e, pur vecchio d’amore, indomabile, è di nuovo pronto ad amare.
testo della canzone"Ehi vuoi ascoltarmi ho ancora altre facce da indossare tu chi sei, non mi assomigli tra quelle che ho cucito e non ricordo più chi sei"

A dispetto di ogni resistenza passano i ricordi di quel tempo. Ricordi ancora durevoli nella memoria con tutto quello che fu e non è più.
testo della canzone"Ehi vuoi parlami di quando avevi un'altra faccia e andavi verso lei ... sul viso, nell'aria c'è una parte di te ... sulla bocca assaporo i tuoi baci negli occhi rivedo i tuoi occhi e capisco finalmente chi sei ..."

Passano i momenti di una storia chiusa ma irripetibile con le ore perse e guadagnate, con le sconfitte e le vittorie mai definitive e un bel sorriso gli taglia la faccia. Capisce che, nonostante tutto, ha avuto una grande fortuna, quella di aver vissuto delle sensazioni uniche e, nella sofferenza, si sente un eletto perché nella gioia e nel dolore ha scoperto di essere vivo.
testo della canzone"... un bel sorriso mi taglia la faccia e mi dico sono identico a te"

Un bel sorriso gli taglia la faccia, lo stesso sorriso che aveva quando, senza fatica, poteva ottenere un bacio, una notte d’amore, dalla sua amata.
testo della canzone"ehi vuoi cambiarmi..."


G. D'Angelo


testo della canzoneEhi vuoi parlarmi di quando avevi un'altra faccia
e andavi verso lei e non pensavi che da quell'attimo saresti stato quel che sei
tu sei, non sei più quel che eri un tempo, e ora sei quel che c'è di diverso da me
e pensare a quanto tradirono tutti quei baci
che tolsero via dalle bocche le frasi che avremmo voluto gridare
per convincerci che di amarci noi non ne saremmo mai stati capaci
e allora tu spiegami dei nostri baci il senso
e se un senso lo trovi dimmi almeno qual è
dimmi se c'è…
ehi vuoi ascoltarmi
ho ancora altre facce da indossare tu chi sei,
non mi assomigli tra quelle che ho cucito e non ricordo più chi sei tu sei, non sei più quel che eri un tempo, e ora sei quel che c'è di diverso da me
e pensare che quando rapirono tutti i pensieri
quei baci bugiardi sembravano veri
intanto impedivano a noi di convincerci che non avremmo mai visto la fine di tutti quei baci perché senza fine li avremmo rubati
di questo che tu ora mi dai l'inizio qual è?
ehi quello che vedo sei
un riflesso che non m'appartiene
non mi riconosco
tu, specchio, sai dirmi almeno chi sei?
quello che vedo sei…
sulla bocca assaporo i tuoi baci
negli occhi rivedo i tuoi occhi e capisco finalmente chi sei
e pensare che quando tradito da tutti quei baci
non mi resi conto di quanto restassi negli occhi,
sul viso, nell'aria c'è una parte di te
e ho capito che se mi rifletto guardandomi in viso
non mi riconosco
ma poi un bel sorriso mi taglia la faccia e mi dico sono identico a te
ehi vuoi cambiarmi...




  • Altri Articoli

La mattina mi metto un paio di scarpe strette

La grande bellezza del film “C’era una volta in America” di Sergio Leone

Come sarà il futuro dell'Italia? La più autorevole delle risposte

8 Marzo, il giorno della festa delle donne

Il consumismo e l'economia basata sulla crescita

Il decreto IMU-Bankitalia

Cos’è la politica

Il pericoloso potere della televisione sul popolo

Retroscena della disfatta della Roma nella semifinale di Coppa Italia

L'insolito faccia a faccia Renzi Grillo

L’Italia d’un tratto si scopre malata

Impressioni e percezioni di una crisi dilagante in Italia

L’Italia della crisi - Parte 1

L’Italia dei politici - Parte 2

L’Italia della gente comune - Parte 3

Visualizza più articoli

Pubblica il tuo bannerPubblica il tuo banner

SuggerimentoSUGGERIMENTI

Se vuoi andare al cinema clicca sul link:
Al cinema (posto nel menù sotto per INFORMARSI)
Potrai consultare la programmazione delle sale


VETRINA

Hotel, B&B, ... in Italia

Risparmia con le offerte e gli sconti che trovi su AbcAlberghi.com

Trova e confronta prezzi

Con migliaia di prodotti in offerta puoi risparmiare tempo e denaro



abcFirenze la guida di Firenze
Guida di Firenze


suggerimento

Cambia Grafica


Rimpicciolisci testo 13Dimensione testo15 Ingrandisci testo
Cambia dimensione testo


Cerca in AbcRoma


Pubblica il tuo bannerPubblica il tuo banner