Pubblica il tuo bannerPubblica il tuo banner
    Condividi questa pagina
Sommario
Basilica di San Giovanni in Laterano - abcRoma.com
Multimedia
Galleria fotografica - Foto del monumento con una breve descrizione
Galleria video - Filmati video del monumento

Descrizioni
La Cattedrale di Roma è situata sul colle del Celio.
Fu fondata da papa Melchiade tra il 311 e il 314 su una proprietà della famiglia dei Plauzi Laterani, donatagli dalla moglie dell’imperatore Costantino. Si tratta quindi della più antica basilica del mondo tenuto conto che la sua fondazione precede di circa quattordici anni quella della basilica di San Pietro.
Nel corso dei secoli venne ristrutturata e ricostruita più volte, se perciò da un lato i sotterranei conservano i resti delle strutture più antiche, le mura esterne restano, pur rinforzate nei secoli successivi, quelle altomedievali, mentre al XIII secolo appartengono il chiostro e i due campanili.
Sono frutto dell’intervento cinquecentesco condotto da Domenico Fontana e da Giacomo Della Porta il transetto e la facciata laterale, ricavata presso la loggia delle benedizioni fatta erigere da Sisto V.
Numerosi pontefici vi aggiunsero ambienti, decorazioni e opere d'arte. Una ristrutturazione interna fu curata dal Borromini per conto di Innocenzo X in occasione del Giubileo del 1650.
La sua imponente facciata in travertino che domina piazza di porta San Giovanni fu costruita nel 1735 dal celebre architetto Alessandro Galilei.
Pio IX e Leone XIII fecero eseguire da Virginio Vespignani lavori di ricostruzione e di restauro nel presbiterio e nell'abside.

Vi sono sepolti:
Andrea Procaccini, Avanzino Nucci, Cesare Nebbia, Giovanni Odazzi, Lorenzo Ottoni, P. Orsi, Paris Nogari detto "Romano", Pietro Paolo Olivieri
In alto sulla balaustra si ergono 15 statue di santi, dalle gigantesche proporzioni (7 m), con al centro quella del Redentore attorniata da quelle dei santi titolari della basilica.
Nel portico di sinistra si può ammirare la Statua di Costantino proveniente dalle Terme Imperiali del Quirinale. La grande porta centrale di accesso alla basilica presenta preziosi battenti in bronzo. L'ultima porta a destra è la Porta Santa che, come a San Pietro, è aperta solo negli anni giubilari.
L'interno ampio e solenne, lungo ben 130 metri, è a croce latina a cinque navate divise da alti colonnati. Colpisce particolarmente il sontuoso soffitto dorato disegnato da Pirro Ligorio e ornato da Daniele da Volterra tra il 1562 e il 1567 e il bel pavimento di tipo cosmatesco.
Nel fondo della grandissima navata centrale, sotto il grande arco trionfale, emerge l'altare papale, con l'imponente ed elegante tabernacolo risalente alla seconda metà del trecento.
Del grande complesso di statue, monumenti e decorazioni, si ricordano solo i più rilevanti.
L'interessante monumento ad Elena Savelli, posto nella navata intermedia sinistra, decorato da Jacopo Del Duca, valente allievo di Michelangelo, con un espressivo busto bronzeo e con raffinati rilievi, anch’essi in bronzo.
Il frammento del celebre affresco di Giotto (sia pur rimaneggiato) con la raffigurazione di Bonifacio VIII che indice il Giubileo del 1300 posto dietro il primo pilastro di destra della navata intermedia.
Il monumento sepolcrale dedicato a papa Martino V che spicca per la sua lastra tombale, capolavoro del Rinascimento e opera dell’artista fiorentino Simone Ghini.
Al di sopra troneggia il ciborio goticheggiante, realizzato per Urbano V nel 1367 da alcuni Maestri senesi e ornato da dodici riquadri affrescati da Barna da Siena, in cui si trovano conservate, entro reliquiari d’argento, le teste degli apostoli Pietro e Paolo.
Nell’abside vi è l’originario mosaico di Jacopo Torriti e di fra’ Jacopo da Camerino, effigiati nelle due figure inginocchiate poste accanto agli Apostoli tra le finestre.
Dalla navata estrema sinistra si ha accesso a due dei capolavori della basilica, il chiostro e la Cappella Corsini opera dell’architetto toscano Alessandro Galilei, che la costruì tra il 1732 e il 1735, per accogliere il monumento funebre a papa Clemente XII Corsini.

Personaggi e Opere

Artisti ed opere in evidenza


Angelo De Rossi
Giotto
Giovanni Battista Montano
Giovanni Di Stefano
Luca Biagi
Arnolfo Di Cambio
Camillo Rusconi

Altri artisti presenti


Benedetto Luti (Pittore) realizzò alcuni ovali con Profeti fra cui il dipinto "Isaia" del 1718.
Giacomo Del Duca detto Jacopo (Architetto) con il monumento ad Elena Savelli, posto nella navata intermedia sinistra, decorato con un espressivo busto bronzeo e con raffinati rilievi, anch’essi in bronzo.
Pirro Ligorio (Architetto) con il disegno del sontuoso soffitto dorato.
Jacopo Da Camerino (Mosaicista) con il mosaico nell’abside.
Jacopo Torriti (Mosaicista) con il mosaico nell’abside.
Simone di Giovanni Ghini (Scultore) con il monumento sepolcrale dedicato a papa Martino V.
Francesco Trevisani (Pittore) con il dipinto "Baruch".
Giovanni Battista Ricci (Pittore) con l' affresco "Consacrazione della basilica lateranense" databile nel periodo 1595 - 1600.
Girolamo Siciolante detto Sermoneta (Pittore) con il dipinto "Crocifissione di Cristo" del 1573.
Lazzaro Baldi (Pittore) con l' affresco "Madonna Immacolata appare a san Giovanni Evangelista nell'isola di Patmos" databile nel periodo 1660 - 1665.
Paris Nogari detto Romano (Pittore) con l' affresco "Apparizione del Volto Santo" databile nel periodo 1595 - 1600.
Scipione Pulzone detto il gaetano (Pittore) con i dipinti del 1574 "Santa Maria Maddalena" e "Ritratto di papa Martino V".
Andrea Lilli (Pittore) con il dipinto "Pesca miracolosa" databile nel periodo 1589 - 1590.
Iacopino del Conte (Pittore) con il dipinto "Santa Maria Maddalena in adorazione del crocifisso" databile nel periodo 1560 - 1570.
Luigi Capponi (Scultore) con le statue "San Marco Evangelista", "San Giovanni Evangelista" e "San Luca Evangelista" databili nel periodo 1480 - 1515.
Altri: Achille Stocchi (Scultore), Agostino Ciampelli (Pittore), Agostino Cornacchini (Scultore), Alessandro Algardi (Scultore), Ambrogio Buonvicino (Scultore), Andrea Bregno (Scultore), Andrea Procaccini (Pittore), Antonio Averulino detto Filarete (Architetto), Antonio Montauti (Scultore), Antonio Montoauti (Scultore), Avanzino Nucci (Pittore), Bartolomeo Bezzi (Scultore), Bernardino Cesari (Pittore), Bernardino Ludovisi (Scultore), Camillo Mariani (Pittore), Cesare Nebbia (Pittore), Cherubino Alberti (Pittore), Cristoforo Roncalli detto Pomarancio (Pittore), Deodato Di Cosma (Scultore), Domenico Maria Muratori (Pittore), Ercole Antonio Raggi (Pittore), Ferraù Fenzoni detto il Faenzone (Pittore), Filippo Carcani (Scultore), Filippo Della Valle (Scultore), Filippo Gnaccarini (Scultore), Fiorenzo Di Lorenzo (Pittore), Flaminio Vacca (Scultore), Francesco Grandi (Pittore), Francesco Moratti (Scultore), Francesco Vespignani (Architetto) ... (sono elencati solo i primi 30)

Commissionarono la costruzione


Guillaume de Grimoard
Giovanni Battista Pamphilj
Felice Peretti
Lorenzo Corsini
Ippolito Aldobrandini
Gioacchino Pecci detto papa Leone XIII (Pontefice) nei primi anni del XX secolo fece restaurare l'antica abside della basilica.
Michele Gislieri detto papa Pio V (Pontefice)

Presero parte alla realizzazione


Francesco Castelli
Domenico Fontana
Alessandro Galilei

Giochi
Puzzle - Giocando puoi ricostruire questa immagine

Gioco a Quiz

Punti d'interesse nelle vicinanze
Battistero Lateranense
Scala Santa
Pubblica il tuo bannerPubblica il tuo banner

SuggerimentoSUGGERIMENTI

Per ottenere la lista dei monumenti clicca sul link:
Lista Monumenti

posto nel percorso "Sei in:" (in testa alla scheda del monumento)


VETRINA





abcFirenze la guida di Firenze
Guida di Firenze


suggerimento

Cambia Grafica


Rimpicciolisci testo 13Dimensione testo15 Ingrandisci testo
Cambia dimensione testo


Cerca in AbcRoma


Pubblica il tuo bannerPubblica il tuo banner